Bandsintown FistBandsintown Text
Search for artists and concerts
Search for artists
Hamburger Menu Icon

Fucked Up

45,173 Trackers · On Tour
Track
About Fucked Up
Genres:
Hardcore Punk, Punk
Hometown:
Toronto, Canada

Events in Your Area
Fucked Up
No shows near you?
Ask to play in your city
Upcoming Events
Past Events
Fan Live Reviews
Tim
Minneapolis, MN@
Fine Line Music Cafe
April 30th 2019
Rocking great time at the Fine Line. Fucked Up are an entity all to themselves. Quite wonderful.
John
Toronto, Canada@
Phoenix Concert Theatre
April 28th 2019
Absolutely magical!!!
Maxime
Montréal, Canada@
Foufounes Électriques
April 25th 2019
Super
Bernardo
Berlin, Germany@
cassiopeia Club
January 30th 2019
Tendone di plastica all'entrata, luci basse, divani di pelle, odore di birra e fumo ancestrali, scale gommate verso il seminterrato e il palco in fondo alla sala nera con luci blu. Il Cassiopeia è il locale perfetto dove vedere un concerto punk di quelli vecchio stile, dove gli amplificatori Marshall arrivano dritti in faccia sul pubblico variegato e pieno di gente che ne ha vissute tante di notti così. Difficile definire cosa significhi la parola punk nel 2019, dove sempre più le definizioni di genere musicale ci fanno pensare a serate revival con gruppi che hanno ormai alle spalle i loro giorni migliori. I Fucked Up sono punk, non esiste modo migliore di definirli ma se vi aspettate da loro anche un minimo di nostalgia per i bei tempi andati e per i look da cliché allora avete sbagliato band. Ruvidi, eterei, rumorosi, coinvolti e sfuggenti, non tecnici ma con sonorità che portano lontano, che trascendono i generi, che ci avvicinano ad un'attitudine passata ma che evidentemente non muore mai se si spegne il cervello per un'ora e si pensa davvero di essere una comunità di persone unite nello stesso credo. Forse il punk, forse il sudore, forse la libertà che solo un muro sonoro dritto in faccia può ancora donare in una società fatta di schermi, post, foto e likes. Pink Eyes, il cantante, è l'unico della band catalogabile. Il suo modo di fare sul palco è quello che ti aspetti da un peso massimo come lui, tutto barba e urla potentissime, ma mentre lo fa ti accorgi di avere davanti un'energia pura, un uomo che trasmette la stessa potenza che esce dagli amplificatori della sua band che diversamente da lui sembra invece misticamente trasportata chissà dove. Ogni passaggio di microfono verso il pubblico urlante, ogni discorso fatto alla fine di una canzone con le gocce di sudore che gli bagnano la testa rasata, ti conquistano e portano dentro un mondo punk definito da quattro mura. Sentirlo parlare di come si è emozionato dentro ad un negozio di dischi berlinese o di come abbia scoperto la storia dei gruppi punk della DDR, riaccende sensazioni sopite dentro da anni e l'applauso che sostiene il suo discorso su come il razzismo e merda simile debbano stare fuori da tutto ciò che è punk e rock in generale fa venir voglia di riprendere la vecchia giacca piena di spillette. Le canzoni sono rasoiate alle orecchie e al cuore ed ogni parola che Pink Eyes canta sembra far parte della frase più importante di tutte quelle mai scritte in una canzone. Perfetto l'alternarsi al microfono del batterista con la sua ballad e uno dei tre chitarristi che si lancia in un pezzo rap-core potente e trascinante. La gente prende fiato per il finale con cui ributtarsi nel pogo old school, dove ci si butta uno contro l'altro per scatenare l'energia collettiva, per abbracciarsi urlando, per tirare su con una pacca chi è inciampato, per sorreggere chi fa stage diving e per urlare insieme al cantante tutta l'emozione di essere vivi adesso, in questo locale fumoso e vibrante. All'ultimo pezzo la band se ne va sorniona mentre il cantante scende soltanto dal palco ed inizia ad abbracciare tutti ringraziando per essere venuti. Anche noi dopo dieci minuti andiamo da lui per dirgli che veniamo dall'Italia solo per vederli. Dopo lo scontato commento a favore del nostro bel paese ci dice però che la miglior band italiana che abbia mai ascoltato si chiamava Cccp e che quando trovò un loro vinile in un negozio di Alberta in Canada fu un momento bellissimo. Ci canta il ritornello di Curami, ci ringrazia abbracciandoci più volte dicendo che verrà presto in Italia. Il rock e il punk non sono più forze che muovono e condizionano la vita giornaliera di tutti noi e purtroppo nemmeno dei giovani a quanto pare ma stasera non ce ne siamo ricordati. Stasera siamo stati qualcosa di più grande in un concerto dove ognuno di noi ha avuto la sua parte ed ha lanciato energie positive nell'aria per un'ora e mezza. Sicuramente troppo poco per cambiare il corso delle nostre vite ma abbastanza per farci continuare a credere che finché ci saranno gruppi come i Fucked Up, quella nostra parte punk dell'anima sarà pronta ancora una volta a farci sentire vivi.
luigi
Los Angeles, CA@
Echoplex
December 8th 2018
Damian Abraham is a really graceful dancer
Mark
Denver, CO@
Ogden Theatre
January 26th 2016
It was Fucked Up!!!
View More Fan Reviews
About Fucked Up
Genres:
Hardcore Punk, Punk
Hometown:
Toronto, Canada