Bandsintown
get app
Sign Up
Log In
Sign Up
Log In

Industry
ArtistsEvent Pros
HelpPrivacyTerms
Visioni Distorte Tickets, Tour Dates and %{concertOrShowText}
Visioni Distorte Tickets, Tour Dates and %{concertOrShowText}

Visioni DistorteVerified

126 Followers
Never miss another Visioni Distorte concert. Get alerts about tour announcements, concert tickets, and shows near you with a free Bandsintown account.
Follow

About Visioni Distorte

Nel 2007 Vincenzo (Mbogié), Armando (Jeezer) ed Antonio (T-Blues) cominciano a provare qualche canzone insieme, in un salotto, prevedendo di racimolare qualche soldo suonando per i locali universitari. Il repertorio è formato prevalentemente da classici del Rock, genere che ancora oggi è la linea d’unione tra tutti i componenti della Band. Alfonso (AlphaKoma) si unisce al gruppetto in pochi giorni, trascinato da Vincenzo, con il quale condivide il percorso universitario: all’inizio come fonico, poi come tastierista. Il Primo live si svolge a Lancusi (Sa) il 27 Luglio 2007, presso il Grunge Pub (un’icona per gli studenti dell’epoca) ed in scaletta ci sono brani dei Dire Straits, Pink Floyd, Red Hot Chili Peppers, più qualche improvvisazione. In questo periodo la band non ha un nome e forse non è ancora cosciente di stare nascendo, ma lo diventerà ben presto, quando un giorno viene chiesto ad Antonio come si chiama il gruppo, per mettere il nome su una locandina, in occasione di un live all’Università (Unisa): Antonio non ci pensa più di tanto e risponde “Visioni Distorte“. E’ un nome che all’inizio non convince e quasi viene considerato “provvisorio”, ma nel corso degli anni diventerà sempre più amato dai componenti della band, perché semplice, diretto… E permette giochi di parole che fanno ridere durante le prove! A questo punto c’è bisogno di un batterista e, dopo aver cambiato ben tre membri (Paolo, Dino, Luca, con i quali ancora oggi c’è un rapporto bellissimo), nel Settembre del 2007 arriva Cristian (Waker), reclutato da Alfonso, con il quale ha condiviso già un paio di band. La band adesso esiste, ha un nome ed un repertorio… Si può dare inizio ai live! Il 2008 è un ann odi transizione, la band comincia a farsi le ossa per locali e manifestazioni, sperimentando setting e sonorità, fino alla fatidica decisione di produrre brani inediti. In questo periodo il Rap non è ancora entrato nello stile del gruppo, i brani sono del tutto Rock, spesso in inglese, ma penna e foglio ormai si sono incontrati. Dopo due anni dalla formazione della band (o dalla sua auto-generazione), la band ha un repertorio ben fornito di cover, ma anche un discreto numero di brani inediti: è il momento di registrare la prima demo. Per registrazione e missaggio si rivolgono al “Capitano” Pasquale Curcio, con il quale Vincenzo ha un rapporto di vero affetto: si fanno le ore piccole nello Studio Athena di Capaccio-Paestum (Sa), ma ci vuole poco perché Candido Nirvana veda la luce. Nella demo sono contenuti 4 brani: - Candido Nirvana (che da il nome alla demo) - Laveré - Looking for Rosebud - Tutti consapevoli di essere niente Il quarto brano (Tutti Consapevoli…) è molto importante nella storia della band, perché per la prima volta il Rap entra nelle sue sonorità, per no nabbandonarle più. Dopo pochi mesi presentano il loro lavoro sul palco del Meeting del Mare di Marina di Camerota (Sa): di quei giorni ricorderanno l’emozione del primo palco importante, ma anche i giorni passati a dormire in tenda ed a suonare canzoni per strada, con amici e sconosciuti. Nel biennio 2010-2011 la band definisce il proprio stile, adottando una ritmica più funky-rock ed il cantato rap, sfociando in una sorta di crossover che i membri definiscono Hip-Rock. Alla metamorfosi contribuisce l’esperienza delle Cover, in particolare la parte del repertorio dedicata a Caparezza: in questo periodo nasce, infatti, anche il progetto parallelo “Follie Preferenziali“, cover band del rapper Pugliese, all’inizio per finanziare le spese del progetto inedito, poi sempre più come “seconda maglia” ed esperienza autonoma. Nella seconda metà del 2011 la band ha ormai maturato l’idea di incidere un primo lavoro discografico vero e proprio, ha messo da parte un po’ di brani inediti ed una discreta somma di denaro, anche grazie al “fondocassa” che accumulano durante tutta la loro breve storia… Affittano un garage, provano, scrivono, arrangiano, poi iniziano le riprese di “DISTINTE VISIONI“, presso gli studi Suoni Visioni (l’assonanza del nome è un felice caso) di Torre del Greco (Na). Si suona e si prova sempre con un occhio al live che ne sarà tratto: è un periodo bellissimo, che la band ricorda con felice nostalgia, sono giorni di condivisione e di duro lavoro, ore ed ore di prove, ma ne vale la pena. IL 2012 sarebbe dovuto essere l’anno della fine del mondo, almeno secondo alcuni, invece per la band è un momento straordinario: viene pubblicato Distinte Visioni, il loro primo EP, si da il via alle presentazioni, i primi video… ormai la band è pienamente cosciente di se. Nell’EP son ocontenuti i seguenti brani: - Fonic-OH! - Siamo Noi - Distinte Visioni - Rasta Gangsta - Tutti Consapevoli di essere Niente - Non si Muove una Foglia - Stamm Street Viene registrato e prodotto il video del singolo Stamm Street, che riceverà un discreto successo e numerose visualizzazioni in poco tempo. Una delle presentazioni dell’EP sarà sempre nei cuori dei ragazzi della band e di quelli che li hanno accompagnati: quella al Bishop Pub di Lancusi (Sa), con birra gratis per un discreto numero di amici e fan e gli amici/features ad alternarsi sul palco, tra pezzi vecchi e nuovi, rock e rap… Una sera speciale! In questo periodo, è bene e doveroso ricordarlo, si stringe anche il patto con i ragazzi del collettivo Multimedia Virtus, di cui Alfonso fa parte e nato all’interno dello stesso circuito universitario che ha visto nascere la band: il collettivo produce due video ed una presentazione/spettacolo presso il Teatro d’Ateneo. Sono due progetti paralleli e gemelli, che si uniscono per dare vita ad uno spettacolo di musica ed immagini in estemporanea… Si continua a sperimentare e la band è felice di fare da cavia! nell ostesso giorno viene registrato il video del brano Siamo Noi. Per tutto il 2013, come per lunga parte dell’anno precedente, Distinte Visioni da frutti, procurando qualche ingaggio in più, sono due anni davvero on the road, la prima estate in particolare viene ricordata dai ragazzi come “L’Agosto Rosso”. Vincono, sempre nel 2013, il Demo Selection Day organizzato dal premio Sele D’Oro. Nel 2014 la Band tira un po’ le redini per quanto riguarda i live, c’è bisogno di fare il punto e la conclusione è evolvere ancora. Partecipano per la prima volta al WhyNot Contest organizzato dal Capri jazz bar di battipaglia (Sa), classificandosi secondi al termine di una selezione durata cinque mesi. Vincenzo ed Alfonso iniziano il progetto VD CREW, insieme al producer Ivars Huxly, che aveva già collaborato con la band come regista dei video Stamm Street e Siamo Noi e membro del collettivo Multimedia Virtus. Il progetto parte solamente come Spinoff Visioni Distorte, perché fin da subito si emancipa in brani del tutto originali, fino a diventare una band autonoma. Come VD CREW viene prodotto il brano e relativo video SIENTE, che viene eseguito da entrambe le formazioni, con arrangiamenti diversi. Tutta la band prende un periodo di pausa, per ricercare autonomamente nuove sonorità, partecipare a nuovi progetti, crescere, senza mai abbandonare, però, la visione comune: un nuovo lavoro discografico. Con il finire del 2014 e l’inizio del 2015, si cominciano a gettare le basi di un nuovo periodo della band. Con l’arrivo del 2015 si apre ufficialmente la nuova stagione della band, i rapporti tra i membri sono ormai collaudati ed i loro progetti personali arricchiscono le sonorità dell’insieme. L’ausilio delle clip e dei sample, che all’inizio era stato una sperimentazione, ora diventa una routine: la band ha imparato a smussare gli angoli e vuole utilizzare questa nuova consapevolezza per scrivere pezzi nuovi. Con la vittoria del contest Rock Sul Mare prima e del WhyNot Contest (A cui partecipano nuovamente) hanno la possibilità di incidere un nuovo lavoro discografico e decidono di utilizzare l’esperienza di Distinte Visioni per renderlo più maturo e variegato. Attualmente (primo semestre 2016) stanno scrivendo ed arrangiando i nuovi brani) BEAT, on the ROCK!!!
Show More
Genres:
Hiprock, Rock&beat
Band Members:
Antonio Maiuri, Armando Arleo, Alfonso Cimirro, Cristian Silvestri, Vincenzo la Mura

No upcoming shows
Send a request to Visioni Distorte to play in your city
Request a Show

About Visioni Distorte

Nel 2007 Vincenzo (Mbogié), Armando (Jeezer) ed Antonio (T-Blues) cominciano a provare qualche canzone insieme, in un salotto, prevedendo di racimolare qualche soldo suonando per i locali universitari. Il repertorio è formato prevalentemente da classici del Rock, genere che ancora oggi è la linea d’unione tra tutti i componenti della Band. Alfonso (AlphaKoma) si unisce al gruppetto in pochi giorni, trascinato da Vincenzo, con il quale condivide il percorso universitario: all’inizio come fonico, poi come tastierista. Il Primo live si svolge a Lancusi (Sa) il 27 Luglio 2007, presso il Grunge Pub (un’icona per gli studenti dell’epoca) ed in scaletta ci sono brani dei Dire Straits, Pink Floyd, Red Hot Chili Peppers, più qualche improvvisazione. In questo periodo la band non ha un nome e forse non è ancora cosciente di stare nascendo, ma lo diventerà ben presto, quando un giorno viene chiesto ad Antonio come si chiama il gruppo, per mettere il nome su una locandina, in occasione di un live all’Università (Unisa): Antonio non ci pensa più di tanto e risponde “Visioni Distorte“. E’ un nome che all’inizio non convince e quasi viene considerato “provvisorio”, ma nel corso degli anni diventerà sempre più amato dai componenti della band, perché semplice, diretto… E permette giochi di parole che fanno ridere durante le prove! A questo punto c’è bisogno di un batterista e, dopo aver cambiato ben tre membri (Paolo, Dino, Luca, con i quali ancora oggi c’è un rapporto bellissimo), nel Settembre del 2007 arriva Cristian (Waker), reclutato da Alfonso, con il quale ha condiviso già un paio di band. La band adesso esiste, ha un nome ed un repertorio… Si può dare inizio ai live! Il 2008 è un ann odi transizione, la band comincia a farsi le ossa per locali e manifestazioni, sperimentando setting e sonorità, fino alla fatidica decisione di produrre brani inediti. In questo periodo il Rap non è ancora entrato nello stile del gruppo, i brani sono del tutto Rock, spesso in inglese, ma penna e foglio ormai si sono incontrati. Dopo due anni dalla formazione della band (o dalla sua auto-generazione), la band ha un repertorio ben fornito di cover, ma anche un discreto numero di brani inediti: è il momento di registrare la prima demo. Per registrazione e missaggio si rivolgono al “Capitano” Pasquale Curcio, con il quale Vincenzo ha un rapporto di vero affetto: si fanno le ore piccole nello Studio Athena di Capaccio-Paestum (Sa), ma ci vuole poco perché Candido Nirvana veda la luce. Nella demo sono contenuti 4 brani: - Candido Nirvana (che da il nome alla demo) - Laveré - Looking for Rosebud - Tutti consapevoli di essere niente Il quarto brano (Tutti Consapevoli…) è molto importante nella storia della band, perché per la prima volta il Rap entra nelle sue sonorità, per no nabbandonarle più. Dopo pochi mesi presentano il loro lavoro sul palco del Meeting del Mare di Marina di Camerota (Sa): di quei giorni ricorderanno l’emozione del primo palco importante, ma anche i giorni passati a dormire in tenda ed a suonare canzoni per strada, con amici e sconosciuti. Nel biennio 2010-2011 la band definisce il proprio stile, adottando una ritmica più funky-rock ed il cantato rap, sfociando in una sorta di crossover che i membri definiscono Hip-Rock. Alla metamorfosi contribuisce l’esperienza delle Cover, in particolare la parte del repertorio dedicata a Caparezza: in questo periodo nasce, infatti, anche il progetto parallelo “Follie Preferenziali“, cover band del rapper Pugliese, all’inizio per finanziare le spese del progetto inedito, poi sempre più come “seconda maglia” ed esperienza autonoma. Nella seconda metà del 2011 la band ha ormai maturato l’idea di incidere un primo lavoro discografico vero e proprio, ha messo da parte un po’ di brani inediti ed una discreta somma di denaro, anche grazie al “fondocassa” che accumulano durante tutta la loro breve storia… Affittano un garage, provano, scrivono, arrangiano, poi iniziano le riprese di “DISTINTE VISIONI“, presso gli studi Suoni Visioni (l’assonanza del nome è un felice caso) di Torre del Greco (Na). Si suona e si prova sempre con un occhio al live che ne sarà tratto: è un periodo bellissimo, che la band ricorda con felice nostalgia, sono giorni di condivisione e di duro lavoro, ore ed ore di prove, ma ne vale la pena. IL 2012 sarebbe dovuto essere l’anno della fine del mondo, almeno secondo alcuni, invece per la band è un momento straordinario: viene pubblicato Distinte Visioni, il loro primo EP, si da il via alle presentazioni, i primi video… ormai la band è pienamente cosciente di se. Nell’EP son ocontenuti i seguenti brani: - Fonic-OH! - Siamo Noi - Distinte Visioni - Rasta Gangsta - Tutti Consapevoli di essere Niente - Non si Muove una Foglia - Stamm Street Viene registrato e prodotto il video del singolo Stamm Street, che riceverà un discreto successo e numerose visualizzazioni in poco tempo. Una delle presentazioni dell’EP sarà sempre nei cuori dei ragazzi della band e di quelli che li hanno accompagnati: quella al Bishop Pub di Lancusi (Sa), con birra gratis per un discreto numero di amici e fan e gli amici/features ad alternarsi sul palco, tra pezzi vecchi e nuovi, rock e rap… Una sera speciale! In questo periodo, è bene e doveroso ricordarlo, si stringe anche il patto con i ragazzi del collettivo Multimedia Virtus, di cui Alfonso fa parte e nato all’interno dello stesso circuito universitario che ha visto nascere la band: il collettivo produce due video ed una presentazione/spettacolo presso il Teatro d’Ateneo. Sono due progetti paralleli e gemelli, che si uniscono per dare vita ad uno spettacolo di musica ed immagini in estemporanea… Si continua a sperimentare e la band è felice di fare da cavia! nell ostesso giorno viene registrato il video del brano Siamo Noi. Per tutto il 2013, come per lunga parte dell’anno precedente, Distinte Visioni da frutti, procurando qualche ingaggio in più, sono due anni davvero on the road, la prima estate in particolare viene ricordata dai ragazzi come “L’Agosto Rosso”. Vincono, sempre nel 2013, il Demo Selection Day organizzato dal premio Sele D’Oro. Nel 2014 la Band tira un po’ le redini per quanto riguarda i live, c’è bisogno di fare il punto e la conclusione è evolvere ancora. Partecipano per la prima volta al WhyNot Contest organizzato dal Capri jazz bar di battipaglia (Sa), classificandosi secondi al termine di una selezione durata cinque mesi. Vincenzo ed Alfonso iniziano il progetto VD CREW, insieme al producer Ivars Huxly, che aveva già collaborato con la band come regista dei video Stamm Street e Siamo Noi e membro del collettivo Multimedia Virtus. Il progetto parte solamente come Spinoff Visioni Distorte, perché fin da subito si emancipa in brani del tutto originali, fino a diventare una band autonoma. Come VD CREW viene prodotto il brano e relativo video SIENTE, che viene eseguito da entrambe le formazioni, con arrangiamenti diversi. Tutta la band prende un periodo di pausa, per ricercare autonomamente nuove sonorità, partecipare a nuovi progetti, crescere, senza mai abbandonare, però, la visione comune: un nuovo lavoro discografico. Con il finire del 2014 e l’inizio del 2015, si cominciano a gettare le basi di un nuovo periodo della band. Con l’arrivo del 2015 si apre ufficialmente la nuova stagione della band, i rapporti tra i membri sono ormai collaudati ed i loro progetti personali arricchiscono le sonorità dell’insieme. L’ausilio delle clip e dei sample, che all’inizio era stato una sperimentazione, ora diventa una routine: la band ha imparato a smussare gli angoli e vuole utilizzare questa nuova consapevolezza per scrivere pezzi nuovi. Con la vittoria del contest Rock Sul Mare prima e del WhyNot Contest (A cui partecipano nuovamente) hanno la possibilità di incidere un nuovo lavoro discografico e decidono di utilizzare l’esperienza di Distinte Visioni per renderlo più maturo e variegato. Attualmente (primo semestre 2016) stanno scrivendo ed arrangiando i nuovi brani) BEAT, on the ROCK!!!
Show More
Genres:
Hiprock, Rock&beat
Band Members:
Antonio Maiuri, Armando Arleo, Alfonso Cimirro, Cristian Silvestri, Vincenzo la Mura

Get the full experience with the Bandsintown app.
arrow