Bandsintown Logo
Sunday, March 18th, 2018
4:30 PM
dai 6 ai 12 anni TESTO E REGIA MARCO ZOPPELLO CON SARA ALLEVI E GIULIO CANESTRELLI E CON MATTEO POZZOBON MUSICA DAL VIVO DEL TRIO FRIEDRICH MICIO VIOLONCELLO, OGGETTI ENRICO MILANI FAGOTTO, PERCUSSIONI MATTEO MINOTTO VIOLINO, ATTREZZI PIETRO PONTINI SCENOGRAFIA ALBERTO NONNATO Un fitto bosco di alberi alti e scuri, i cui rami ricurvi, carezzati dai raggi della luna, formano ombre intricate sul terreno. Laggiù, in fondo, ancora più in fondo: una luce. Un castello e, in alto, una finestra. Dorme una fanciulla dai biondi capelli, dorme e sogna. Sogna artigli e peli ispidi ma anche splendidi principi e luoghi fatati. Esistono sogni più veri del vero, verosimili come uno specchio... ecco, lo vedo! Sembra che Lui ci sia, ma non c’è. Dov’è? Chi c’è dentro lo specchio? Lei è Bella. Così bella che tutti la chiamano soltanto: Bella. Ma il castello non è certo il suo, è di Lui. No, non del Principe, ma della Bestia. Così bestia che tutti lo chiamano soltanto: Bestia. Anzi, lo chiamerebbero, se qualcuno lo andasse mai a trovare. Non è cattivo, non è incivile, maleducato, stupido, è semplicemente… Bestia. E come tutte le bestie fa paura. Come fa paura il bosco, come fanno paura le ombre intricate su di un terreno brullo e i castelli sconosciuti. Come fa paura l’amore.