Bandsintown Logo
Subliminal Fear
Sep 24th 2017 @ Legend Club - Rock In Park
Milan, Italy
I Was There
Get the full experience with the Bandsintown app.
Sep
24
Rock In Park 2017
Sunday, September 24th, 2017
8:00 PM
È ufficiale: l’unica data italiana Evergrey, domenica 24 settembre 2017 al Legend Club di Milano, sarà aperta da due band con un curriculum di tutto rispetto: i NEED e gli italianissimi Subliminal Fear. I biglietti per il concerto sono già disponibili su Ticketone (online e punti vendita). Gli ateniesi NEED nascono nel 2004 e si fanno le ossa affiancando sul palco del Sonisphere pesi massimi del calibro di Iron Maiden, Slipknot e Mastodon; nel gennaio 2017 esce il loro quarto lavoro, Hegaiamas: a song for freedom, che ottiene ottimi riscontri e convince gli Evergrey a sceglierli come special guest per le trenta date del loro tour europeo. Le band divideranno il palco con i baresi Subliminal Fear, già opener di Testament, Dark Funeral, Sadist, Necrodeath e molti altri. Quest’anno la band di progressive/power metal di Göteborg festeggia il suo ventesimo compleanno con l’album più potente della sua carriera. Tutti coloro che hanno seguito gli Evergrey fin dalle loro origini troveranno difficile non rimanere totalmente stregati dall’atmosfera di The Storm Within già al primo ascolto. Gli elementi progressive, dark e melanconici che costituiscono il tratto distintivo dell’ensemble sono più presenti e forti che mai, l’album si classifica come uno dei lavori più progressive in termini di performance, ma gli Evergrey hanno fatto in modo di renderlo accessibile e diretto più dei loro nove precedenti lavori. Il frontman e fondatore Tom S. Englund afferma che la band ha imparato dall’esperienza delle due decadi di vita per ottenere il tipo di sensazioni di The Storm Within, in particolare dall’album Hymns Of The Broken del 2014, che ha visto gli Evergrey rinnovati sia nell’energia che nella line-up. «Siamo passati dal non avere nessuna intenzione di fare un album all’avere tutti l’inspirazione del mondo in Hymns For The Broken» dice Englund, «ma, onestamente, non ci siamo mai sentiti meglio. The Storm Within è un album massiccio. Non ci sono riempitivi e non abbiamo mai avuto intenzione di inserirne. Penso che l’ispirazione parli per sé stessa.»